La Russia non fornisce più gas all’Italia

La Russia non fornisce più gas all'Italia
Sede dell’azienda energetica Eni a Roma

Quando scoppiò la guerra in Ucraina, l’Italia aveva ricevuto circa il 40 per cento del suo gas dalla Russia.

(Foto: dpa)

Roma La Russia ha momentaneamente sospeso le forniture di gas all’Italia. Ciò intensifica nuovamente la crisi energetica in Europa. La società russa Gazprom ha annunciato che non potrà più consegnare gas attraverso l’Austria, ha annunciato sabato il fornitore italiano Eni. Il gas russo normalmente arriva e viene distribuito dalla città di confine italo-austriaca di Tarvisio in Italia.

Gazprom ha affermato nel suo canale Telegram che il motivo della sospensione del trasporto di gas attraverso il territorio dall’Austria all’Italia è “il rifiuto dell’operatore austriaco di confermare le nomine di trasporto”.

In Austria ci sono state modifiche normative alla fine di settembre, motivo per cui ora si è presentato questo problema. La società statale non ha fornito dettagli su cosa si trattasse esattamente. “Gazprom sta lavorando insieme agli acquirenti italiani per risolvere il problema”, ha affermato l’azienda. Eni ha inoltre dichiarato di aver contattato Gazprom per risolvere il problema.

Un portavoce di Eni ha detto all’agenzia di stampa Ansa che, secondo la compagnia, l’Austria continua a ricevere gas russo. La Russia ha fornito gas all’Italia attraverso varie fonti. La maggior parte delle consegne per l’Austria e l’Italia avviene tramite il gasdotto Transgas, che attraversa l’Ucraina e la Slovacchia.

I migliori lavori della giornata

Trova i migliori lavori ora e
essere avvisato via e-mail.

Una piccola parte è stata consegnata anche in Italia tramite Nord Stream 1. Le consegne sono sospese dall’inizio di settembre per presunti lavori di manutenzione. La completa interruzione delle forniture di gas italiane arriva ormai a pochi giorni dai presunti atti di sabotaggio ai danni dei gasdotti Nord Stream 1 e 2.

Le consegne di gas in Italia sono già diminuite a giugno e luglio

All’importatore austriaco di gas naturale OMV sono state assegnate quantità maggiori di gas russo rispetto al passato. Lo ha riferito l’agenzia di stampa Bloomberg e si è riferito ad Andreas Rinofner, portavoce di OMV.

Gazprom

Il logo Gazprom può essere visto in una filiale della società statale russa a San Pietroburgo.

(Foto: dpa)

Quando scoppiò la guerra in Ucraina, l’Italia aveva ricevuto circa il 40 per cento del suo gas dalla Russia. Poi il governo di Roma e il gruppo semistatale Eni hanno concluso accordi con alcuni altri paesi – come l’Algeria – per ridurre al minimo la dipendenza da Mosca.

Negli ultimi mesi si è detto che l’Italia riceve solo il 25 per cento circa del suo gas dalla Russia. Nei giorni scorsi, le quantità di consegna erano diminuite drasticamente. Secondo un insider citato da Bloomberg nel suo rapporto, l’Italia ha procurato abbastanza alternative per far fronte alla carenza di questo inverno.

La società statale russa Gazprom aveva già ridotto le consegne in Austria e in Italia a luglio e giugno. Il fornitore austriaco di energia OMV ha annunciato in quel momento che Gazprom li aveva informati che a Baumgarten, vicino al confine slovacco, arrivava circa il 70% in meno di gas rispetto a quanto ordinato. A metà giugno Gazprom aveva già dimezzato le consegne in Austria.

Con materiale dell’agenzia di dpa e Bloomberg.

Di più: Al massimo il 15 per cento in più e quasi nessuna tassa: è così che altri paesi rallentano i prezzi dell’energia

0 0 voti
VALUTAZIONE
Iscriviti
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedback
Visualizza tutti i commenti
0
Mi piacerebbe leggere i vostri pensieri, si prega di lasciare un commento.x

I TUOI CREDITI

TOTALE PUNTI DISPONIBILI

Copia la frase o la parola contenente l’errore ortografico e Incollala nel campo del Modulo “Scrivi l’errore”

Dopo aver inviato, con successo, il Modulo Errori Ortografici, riceverai una Email con Oggetto Strafalcioni WebPost Errori 

REGISTRATI
se non funziona aggiorna la pagina, clicca F5 della tastiera (tasti in alto)

ACCESSO CLIENTI

OPPURE ACCEDI CON I SOCIAL

Facebook
Google
Linkedin
Twitter

ACCESSO CLIENTI

fb
Facebook
twitter
Twitter
google+
Google
linkedin
Linkedin

OPPURE ACCEDI CON I SOCIAL