Il Regno Unito è “cieco” alle nuove varianti immunitarie di Covid che creano “tempesta perfetta” per un’ondata devastante

Il Regno Unito si sta dirigendo verso un’ondata di Covid “devastante” questo autunno, esacerbata da un calo dei test e da una sorveglianza inadeguata di nuove sottovarianti immunitarie evasive, hanno avvertito gli esperti.

Le infezioni da Covid-19 nel Regno Unito sono aumentate del 14% secondo gli ultimi dati.

Secondo l’Office for National Statistics (ONS), circa 1,1 milioni di persone nelle famiglie private sono risultate positive al coronavirus nell’ultimo sondaggio, che copre i sette giorni fino al 17 settembre in Inghilterra e la settimana fino al 20 settembre nelle altre tre nazioni.

È la prima volta che il totale nel Regno Unito supera il milione dalla fine di agosto, sebbene sia ancora leggermente inferiore ai 3,8 milioni di infezioni settimanali all’inizio di luglio al picco dell’ondata causata da Omicron BA.4 e BA. 5 sottovarianti del virus.

Lo ha detto il professor Tim Spector, co-fondatore dell’app Covid ZOE L’indipendente il Regno Unito era già all’inizio della prossima ondata di coronavirus.

“Sembra che siamo all’inizio della prossima ondata e questa volta ha colpito le persone anziane leggermente prima dell’ultima ondata”, ha detto il prof. Spector.

Ha aggiunto: “Molte persone stanno ancora utilizzando le linee guida del governo sui sintomi che sono sbagliati. Al momento, il Covid inizia in due terzi delle persone con il mal di gola. La febbre e la perdita dell’olfatto sono davvero rare ora – così tante persone anziane potrebbero non pensare di avere il covid.

“Dicono che è un raffreddore e non devono essere testati”.

Il professor Spector ha affermato che i primi dati hanno mostrato che nuove sottovarianti di Omicron stavano diventando immunitarie evasive e potrebbero causare “problemi reali” nel Regno Unito mentre l’inverno si avvicina con un NHS “già in ginocchio”.

Il virologo dell’Università di Warwick, il professor Lawrence Young, ha affermato che due sottovarianti di Omicron – BA.2.75.2 derivato da BA.2 e BQ1.1 derivato da BA.5 – stavano causando preoccupazione nei primi dati e mostravano segni di essere in grado di sfuggire al sistema immunitario sistema.

Gli esperti temono che l’aumento dei ricoveri per Covid possa mettere ulteriormente sotto pressione il SSN

(cavo PA)

“La cosa interessante di queste varianti è che, sebbene siano leggermente diverse nel modo in cui sono nate, hanno apportato le stesse modifiche per aggirare il sistema immunitario del corpo”, ha detto il prof. L’indipendente.

“Quello che stiamo scoprendo è che il virus si sta evolvendo attorno all’immunità che è stata costruita attraverso i vaccini e le innumerevoli infezioni che le persone hanno avuto.

Ha aggiunto: “La più grande preoccupazione che stiamo vedendo è che nei primi dati queste varianti stanno iniziando a causare un leggero aumento delle infezioni. In un certo senso, c’era da aspettarselo, ma dimostra che non siamo ancora fuori pericolo con questo virus, purtroppo”.

Il professor Young ha anche avvertito che il ridimensionamento dei laboratori di test Covid dopo la presentazione del piano governativo Living with Covid significa che il Regno Unito è “cieco” al comportamento di nuove potenziali varianti di preoccupazione. I principali laboratori del NHS “Lighthouse” hanno chiuso all’inizio di quest’anno in linea con la politica del governo sull’infezione.

“Abbiamo davvero distolto gli occhi dalla palla con i test Covid”, ha detto. “Possiamo rilevare varianti o sapere cosa sta arrivando eseguendo il sequenziamento dai test PCR e questo non sta accadendo neanche lontanamente come un anno fa.

“Le persone avranno varie infezioni durante l’inverno, ma non sapranno cosa sono perché non sono disponibili test gratuiti: sarà un problema. Un altro angolo è la pressione economica. Se le persone si sentono male, è improbabile che si prendano delle ferie dal lavoro. C’è una tempesta perfetta qui, davvero, di sorveglianza inadeguata, persone che non si fanno avanti per la vaccinazione e la situazione economica”.

Entrambi i professori hanno chiesto messaggi più forti e proattivi da parte del governo in vista del clima invernale più freddo, mentre il prof. Young ha chiesto il ritorno della mascherina indossata in spazi interni scarsamente ventilati e affollati.

Anche i casi di influenza stanno aumentando all’inizio di questo autunno

(EPA)

Inoltre, gli esperti di salute pubblica hanno chiesto un aumento dell’assorbimento dei jab di richiamo, con il prof. Young che ha notato che i nuovi richiami del vaccino Covid bivalente, che affrontano più di una variante, sono stati fondamentali per prevenire un’ondata devastante. Ma ha ammesso che c’erano ancora punti interrogativi sull’efficacia dell’immunizzazione nell’impedire alle persone vulnerabili di ammalarsi gravemente.

L’immunologo professor Denis Kinane, che ha fondato la società di test Covid Cignpost Diagnostic, ha anche espresso preoccupazione per la mancanza di test gratuiti e sorveglianza di nuove varianti.

“Mentre i casi sono attualmente in aumento, non sappiamo ancora l’intera portata di ciò che accadrà in autunno e in inverno. Tuttavia, con eventi a partecipazione di massa come la Coppa del Mondo di calcio che si svolgono a novembre, i viaggi internazionali crescono rapidamente, i livelli di vaccinazione diversi in tutto il mondo e la maggior parte dei paesi che hanno requisiti di ingresso allentati, non è possibile escludere un aumento dei casi e l’emergere di nuove varianti fuori”, ha detto il professor Kinane a The Independent.

Sarah Crofts, vicedirettrice dell’ONS per l’indagine sull’infezione da Covid-19, ha affermato che era “troppo presto per identificare se questo sia l’inizio di una nuova ondata”.

La dottoressa Mary Ramsay, direttrice dei programmi di salute pubblica presso l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA), ha affermato che era “chiaro ora che stiamo assistendo a un aumento” dei livelli di Covid-19.

“I casi hanno iniziato a salire e i ricoveri sono in aumento nelle fasce di età più anziane. Nelle prossime settimane, prevediamo una doppia minaccia di bassa immunità e influenza ampiamente circolante e Covid-19, creando un inverno imprevedibile e ulteriore pressione sui servizi sanitari”, ha aggiunto.

Il numero di persone ricoverate in ospedale con coronavirus per tutto il 2022 è rimasto ben al di sotto dei livelli osservati nel 2020 e all’inizio del 2021, prima dell’introduzione dei vaccini.

0 0 voti
VALUTAZIONE
Iscriviti
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedback
Visualizza tutti i commenti
0
Mi piacerebbe leggere i vostri pensieri, si prega di lasciare un commento.x

I TUOI CREDITI

TOTALE PUNTI DISPONIBILI

Copia la frase o la parola contenente l’errore ortografico e Incollala nel campo del Modulo “Scrivi l’errore”

Dopo aver inviato, con successo, il Modulo Errori Ortografici, riceverai una Email con Oggetto Strafalcioni WebPost Errori 

REGISTRATI
se non funziona aggiorna la pagina, clicca F5 della tastiera (tasti in alto)

ACCESSO CLIENTI

OPPURE ACCEDI CON I SOCIAL

Facebook
Google
Linkedin
Twitter

ACCESSO CLIENTI

fb
Facebook
twitter
Twitter
google+
Google
linkedin
Linkedin

OPPURE ACCEDI CON I SOCIAL